Sconvolgente, provocatorio, necessario. Ecco i tre aggettivi che meglio raccontano l’incontro con Andrea Strozzi all’Educational2 di Volterra. Il fondatore di LLHT, Low Living High Thinking, ci ha accompagnato nella tre giorni Volterrana, alla scoperta di nuovi concetti e nuove “rotture di paradigmi”. Cambiamento, resilienza, downshifting, piramidi dei bisogni. Cosa c’entra tutto questo con la pallavolo? Forse niente, in termini prettamente “ginnici”, ma tutto se intendiamo lo sport come contenitore di valori, agenzia educativa. Una crisi globale ci accompagna quotidianamente e sembra non volerci abbandonare, ma saremmo ingenui a non pensare che la crisi – anche economica – è soprattutto una crisi di valori. Ecco allora che entra in campo lo sport, portatore di valori sani e buone pratiche. Ecco allora che lo sport non rimane solo un accessorio che va a decorare la nostra giornata, ma diventa un potente strumento di rieducazione alla civiltà.

Di questo si è parlato per quasi due ore con Andrea Strozzi durante l’Educational2 di Volterra, tenutosi dal 6 al 8 dicembre 2014.

Di seguito, “Meeting Talents: Andrea Strozzi”, un breve estratto dall’intervento “Cambiamento e Resilienza, i nuovi driver del benessere sociale”.

Ancora, il monologo sulla felicità di Tiziano Terzani, con cui Andrea ha chiuso il suo intervento.